PTOF

PREMESSA

Il Piano dell’Offerta Formativa del Primo Istituto Comprensivo Statale “Giuseppe Russo” di Giarre ha come fonte di ispirazione fondamentale gli articoli 3, 9, 33, 34 e 38 della Costituzione italiana, nonché i principi fondamentali affermati dalla ”Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia” del 23 novembre 1989, la Carta dei Servizi prevista dal D.P.C.M. del 7 giugno 1995, la legge 241/90 sulla trasparenza.
Costituiscono essenziale punto di riferimento del Piano Triennale dell’Offerta Formativa dell’Istituto le disposizioni normative sull’autonomia scolastica, le Nuove Indicazioni Nazionali del 2012, la Legge 107 del 13 giugno 2015, gli utenti e il territorio in cui si opera.
Il Piano Triennale dell'Offerta Formativa (P.T.O.F.), ai sensi dell'art. 3 del Regolamento sull'autonomia scolastica previsto dal D.P.R. del 8 marzo 1999 n. 275, come modificato dalla legge 107/2015, è elaborato dal Collegio dei docenti ed approvato dal Consiglio d’ istituto sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione, definiti dal Dirigente scolastico tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi locali, dalle associazioni e dai genitori.
Il P.T.O.F., poiché rappresenta il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale del I Istituto Comprensivo, tenendo conto anche delle attuali Indicazioni Nazionali e di quanto previsto dalla normativa vigente in materia di innovazione e cambiamento, esplicita la progettazione adottata dalla scuola sul piano:
Educativo (Ispirazione culturale-pedagogica e obiettivi generali del processo formativo per la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado).
Organizzativo (Calendario scolastico; organizzazione; attività di ricerca e di sperimentazione; attività di formazione e aggiornamento professionale; laboratori di attività opzionali; progetti per l’ ampliamento dell'offerta formativa con fondo d’istituto; orario scolastico; modalità di impiego dei docenti;funzioni strumentali al P.T.O.F.; ecc.);

Didattico (Campi di esperienza, Aree disciplinari e Discipline, standard relativi alla qualità del servizio e monitoraggio; indirizzi generali relativi alla valutazione degli alunni; attività di sviluppo, di recupero, potenziamento e di sostegno curricolari ed extracurricolari; visite guidate e viaggi d’istruzione, attività di raccordo con enti esterni, continuità educativa, orientamento, ecc.).

Il P.T.O.F., oltre ad essere coerente con le Finalità e i Traguardi di sviluppo delle competenze (TSC) per ciascun Campo di esperienza, Area e Discipline determinati a livello nazionale, riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale in cui opera la nostra scuola e risponde alle varie forme di apprendimento personalizzato degli alunni attraverso l’identificazione di adeguati Obiettivi di apprendimento (O.d.A.) inclusi nel CURRICOLO che si articola in Campi di esperienza (Il sé e l’altro; Il corpo e il movimento; Linguaggi, creatività, espressione; I discorsi e le parole; La conoscenza del mondo) nella scuola dell’infanzia e Aree disciplinari ( a) Umanistica; b) Linguistico-comunitaria; c) Matematico-scientifica; d) Artistico-espressiva e tecnologica e in Discipline (Italiano, Storia, Geografia, Inglese, Spagnolo, Matematica, Scienze,
Arte e Immagine, Musica, Scienze motorie e sportive, Tecnologia, nella scuola del primo ciclo.
Si considera parte integrante del P.T.O.F. il Regolamento in materia di vigilanza degli alunni, il Regolamento del Collegio dei docenti, il Regolamento interno d’Istituto. 
I Regolamenti sono pubblicizzati tramite pubblicazione sul sito della scuola, tramite mail a tutto il personale della scuola; tramite informazione ai genitori attraverso il Patto educativo di corresponsabilità. 

Presentazione: